Amri, Berlino e gli obiettivi dell’ISIS – l’Opinione del 28-12-2016

 

Anis Amri, il sospetto autore dell’attentato che a Berlino ha tolto la vita a dodici persone il 19 di dicembre, è stato ucciso a Sesto San Giovanni, dopo aver attraversato mezza Europa venerdì 23, in seguito ad una sparatoria con la polizia italiana.

Per la Germania è stata la fine di un incubo, quello che Amri potesse colpire ancora, magari a Natale o a Capodanno. Eppure, per lo stato di diritto – come sottolinea il Die Zeit – questa morte rappresenta uno sconfitta negandoci la possibilità di avere risposte a quelle domande ancora aperte sull’attentato: Ha agito da solo? Stava fuggendo o pianificava altri attentati? Come ha fatto a fuggire?

Attentato Berlino: Anis Amri Ucciso in Mattinata a Milano – il Ristretto-Breaking News del 23-12-2016

Secondo la Reuters, un uomo simile ad Anis Amri, il probabile autore dell’attentato che è costato la vita a 12 persone a Berlino il 19 Dicembre 2016, sarebbe stato ucciso stamame in una sparatoria nella periferia di Milano. Il Ministro degli Interni Minniti ha confermato l’identità del sospetto che sarebbe stato riconosciuto tramite le impronte digitali. Amri avrebbe aperto il …