Berlino: Confermata l’Identità dell’Attentatore – il Ristretto-Breaking News del 22-12-2016

 

Nella conferenza stampa di oggi pomeriggio, il Ministro degli Interni de Maiziere, il Governo tedesco ha confermato l’identità del probabile responsabile dell’attentato che Lunedì sera ha portato alla morte di 12 persone al Mercato di Natale di Bretischneidplatz a Berlino. Si tratterebbe del ventiquatrenne tunisino Anis Amri. Sue sarebbero infatti le impronte digitali trovate nella cabina di guida del camion così come i documenti ritrovati al suo interno nelle ore successive alla strage dagli inquirenti.

Sulle sue tracce – dice il ministro – ci sono le forze di polizia tedesche e l’Interpol.

Anis Amri – riporta la Reuters – avrebbe lasciato la Tunisia nel 2011 in seguito alla Rivoluzione. Da qui sarebbe arrivato in Italia dove si sarebbe dichiarato come minorenne per evitare il rimpatrio. Nell’Ottobre dello stesso anno viene arrestato per aver tentato di dare fuoco al suo alloggio e condannato a tre anni e mezzo di carcere per vandalismo, minacce e furto.  Il rilascio è del Maggio del 2015 a cui sarebbe dovuto seguire il rimpatrio, poi non avvenuto per il non riconoscimento da parte dell’autorità tunisine. Invece ad Amri viene consegnato il foglio di via e da qui transita per la Svizzera prima di approdare in Germania vivendo fra il Nordrhein-Westfalen e Berlino. Qui – stando a quanto trapelato dalle indagine – sarebbe entrato in contatto con il network di Abu Walaa, predicatore salafita considerato il reclutatore in Germania dell’ISIS.

Secondo i magazine Spiegel e Focus, Abu Walaa avrebbe tentato di reclutare Amri come combattente in Siria per poi convincerlo a commettere un attentato suicida in territorio tedesco. Proprio per questi contatti  – dice il New York Times – Amri era conosciuto alle forze di sicurezza statunitensi ed inserito nelle liste di “persone non desiderate”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *