Turchia, un anno dopo: il futuro di un paese diviso – CO Reloaded del 13-7-2017

Il 15 luglio 2016, una parte delle forze armate turche decide di destituire il Presidente turco Recep Tayyip Erdogan. Il golpe fallirà, ma a distanza di 12 mesi, la Turchia è lungi dall’aver ritrovato la stabilità. Il paese è, infatti, sempre più diviso, fra tradizionalisti religiosi, kemalisti laici, e la minoranza curda. 

Russia e Turchia: il possibile accordo che pesa sul futuro della Siria – CO Reloaded del 4-7-2017

Il 10 luglio si riapriranno ad Astana in Kazakistan i colloqui di pace sulla Siria organizzati da Russia, Iran e Turchia. In ballo il futuro di due territori strategici per il futuro della Guerra Civile Siriana dopo la ormai sempre più vicina presa di Raqqa: Idlib ed Ifrin. Proprio Mosca ed Ankara potrebbero, in questa sede, raggiungere un accordo di spartizione territoriale ai danni dei “Ribelli” e dei Curdi della Rojava.

Quale futuro per Siria ed Iraq dopo l’ISIS – CO Reloaded del 30-6-2017

Parlando come sarà il “nuovo” Medio-Oriente dopo la sconfitta dell’ISIS a Mosul e a Raqqa, si discute spesso dei suoi confini. La situazione, fra la richiesta d’indipendenza del Kurdistan iracheno, l’ascesa politica della Rojava e i vari gruppi attivi in Siria, lascia presagire un futuro di incertezza sia per l’Iraq che per la Siria, ma quali sono le parti in causa e com’è, ad oggi, la situazione a terra?

Il Kurdistan ed il futuro dell’Iraq post-ISIS – CO Reloaded del 27-6-2017

A fronte dell’imminente sconfitta dello Stato Islamico a Mosul, nel nord del paese, rimane aperta una domanda: quale futuro per un Iraq devastato dalle divisioni settarie fra sciiti e sunniti? Prima ancora di discutere del futuro assetto del nord del paese, bisognerà però affrontare lo status del Kurdistan iracheno, la regione che occupa le province nordorientali dell’Iraq.